Progetto

BROCKENHAUS

SAGRA

​IDEAZIONE-COREOGRAFIE 

Elisabetta di Terlizzi, Francesco Manenti

INTERPRETI 

Elisabetta di Terlizzi, Elisa Canessa /Cecilia Ventriglia, Francesco Manenti, Emanuel Rosenberg

COLLABORAZIONE ARTISTICA

Federico Dimitri, Piera Gianotti, Cecilia Ventriglia

 

DISEGNO LUCI

Marco Oliani

MUSICA

Igor Stravinsky 

 

PRODUZIONE

Progetto Brockenhaus 

COPRODUZIONE

Dicastero Giovani ed Eventi, Lugano (Ch)

 

 

 

"...è quasi un manifesto di ciò che è diventato il teatro di ricerca. Un punto di non ritorno verso la danza; ma anche di ciò che è diventata la danza: un punto di non ritorno verso il teatro, addirittura verso una vera e propria narrazione." 

(Franco Cordelli - Corriere della Sera)

"...Il giusto e riuscito tributo del Progetto Brockenhaus a un’opera che con un canto alla vita, cambiò il corso della musica e della danza..." (Virginia Tonfoni)

 

La Sagra della Primavera è un'opera musicale di Igor Stravinsky creata in seguito ad una visione di un rito sacro pagano: vecchi seduti in cerchio osservano la danza di morte di una vergine che essi stanno sacrificando per propiziarsi il Dio della Primavera. In questa visione si condensano i motivi che ci hanno spinto a scegliere l'opera di Stravinsky: da un lato la danza come Sacrificio, sostenuta da una forza ritmica devastante, dall'altro la febbre ispiratrice come motore creativo di un'opera originale ed innovativa.

Lo spettacolo SAGRA nasce, oltre che dall'ascolto de la Sagra della Primavera di Igor Stravinsky, dagli spunti offerti dalle memorie, ricordi e commenti del debutto della versione coreografata da V. Nijinsky a Parigi nel 1913 ed, infine, dall’autoritratto dai toni dolorosi, ma candidi, che lo stesso Nijinsky tracciò nei suoi Diari.​

​​​​