Progetto

BROCKENHAUS

Sipario.it, 5 dicembre 2015

La prima domanda che sorge, appena vediamo i corpi dei ballerini in scena, è: "Sono vivi o sono manichini?".

Sembrano burattini che si spostano con movimenti scattosi o non si muovono affatto come fossero governati da un'entità superiore. 

...L'opera di Brecht è solo un pretesto per parlare di emarginati sociali, di miserabili, di reietti, "qui nel reparto intoccabili, qui nel girone invisibili", come afferma una delle prostitute citando De André.

...l'esperienza di vita reale e la finzione scenica si incastrano in un gioco sfuocato che non mette in primo piano né l'una né l'altra.

Sara Bonci